seatec compoteccomunicato stampa

Seatec Compotec | Oltre trenta nuovi espositori

Carrara 03 aprile 2019 – Al via la 17° edizione di  Seatec, mostra della tecnologia, della componentistica, del design e della subfornitura applicate alla nautica da diporto, ideata a organizzata da IMM/CarraraFiere, unico evento dedicato al settore in Italia e nel sud Europa, e la 11° Compotec, unica manifestazione professionale  in Italia  dedicata all’industria dei materiali compositi nei loro vari ambiti d’uso.

In mostra  complessivamente 328 marchi dei quali 110 provenienti da tutta l’Europa e da Giappone, Nuova Zelanda, Gran Bretagna e America distribuiti su 10.000 metri quadrati,  come evidenziato dal Presidente Fabio Felici nel corso della conferenza stampa  di presentazione dei due eventi. Nelle parole del Presidente un excursus sul settore, fra i  più importanti nell’economia toscana:“ Il comparto della Nautica italiana, con un valore della produzione pari a 1,7 miliardi di Euro, rappresenta il 10% del mercato mondiale delle nuove imbarcazioni da diporto ed è il secondo Paese produttore al mondo dopo gli Stati Uniti, mentre per la cantieristica dei grandi yacht è leader assoluto al mondo. Nella classifica dei primi 20 costruttori al mondo per barche sopra i 24 metri, i primi tre marchi anche quest’anno sono Italiani (Azimut/Benetti-FerrettiGroup – SanLorenzo). La leadership messa in luce da questi dati è il risultato di un gioco di squadra. La grande cantieristica risulta infatti affiancata da tutta la filiera di supporto alla realizzazione di barche e yacht, un comparto che trova nel nostro Paese realtà produttive di eccellenza in grado non solo di supportare il cantiere nella costruzione, ma spesso di proporsi con soluzioni progettuali innovative. A questa realtà è dedicata Seatec, a Carrara, nel cuore del distretto italiano che esprime la maggior concentrazione di piccole imprese della nautica, con il 17, 6% delle 2.773 imprese italiane del settore, vale a dire 488 aziende che occupano quasi 2000 addetti e generano ricavi pari al 21,7% del totale del settore. Non è facile mantenere vive fiere come queste anno dopo anno, soprattutto quelle legate ad un settore che in questi anni ha vissuto scissioni e la nascita di tanti piccoli eventi. Ritengo che sarebbe opportuno che si sviluppassero percorsi di sinergia moderati dalle Istituzioni, il cui ruolo dovrebbe essere quello di tutela e di guida. Nonostante gli “attacchi”  la nostra organizzazione riesce a confermare la portata degli eventi, una portata mantenuta costantemente anche in questi  anni difficili e controversi per il settore, con uno sforzo di adeguamento del format alle diverse esigenze del mercato.”

Evento contrassegnato da un ampio calendario di incontri bilaterali, Seatec Compotec svilupperà anche in questa edizione circa 1.000 incontri one-to-one basati sulle preferenze espresse dagli  oltre 100 operatori esteri in visita da 25 paesi  impegnati nella costruzione di imbarcazioni e di yacht e nell’applicazione di materiali compositi, operatori che sono stati selezionati da ICE AGENZIA. Gli incontri fra delegati esteri ed espositori costituiscono una sorta di preludio  alle visite agli stand e alle opportunità di business. A fianco dei delegati buyer, ICE-Agenzia ha invitato una delegazione di giornalisti nautici specializzati in rappresentanza delle più prestigiose e qualificate testate di Francia, Germania,Spagna, Turchia, UK e Usa, che si affianca alla presenza dei giornalisti italiani e esteri invitati direttamente da IMM- Carrarafiere.

Ulteriormente ampliata quest’anno la Seatec-Compotec Academy, un campus con appuntamenti di alto profilo  rivolto ai cantieri e ai rappresentanti del settore in grado di rilasciare CFP (i  Crediti Formativi Professionali richiesti dagli Ordini degli Ingegneri e degli  Architetti) grazie all’accordo esistente fra IMM-CarraraFiere e gli Ordini  della Provincia di Massa Carrara.

Fra i numerosi e importanti convegni della Seatec-Compotec Academy, previsto il 5 aprile anche un intervento di Edoardo Rixi, Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che porterà la voce del governo e del suo ministero nella complessa relazione della portualità italiana dell’Alto Tirreno, sia in relazione ai flussi commerciali presenti e futuri, sia nella competizione con gli altri porti del Mediterraneo e delle infrastrutture necessarie  a mantenere alta la competitività dei porti nazionali.

Fonte:
Ufficio Stampa Compotec Seatec
Link al comunicato stampa:
clicca