arredamontcomunicato stampa

Arredamont 2018 | Legno protagonista indiscusso insieme ai tessuti

Longarone 20 ottobre 2018 – Molte le novità che ci riserva questa edizione di Arredamont, il Salone dell’abitare e dell’arredare in montagna che si apre sabato 27 ottobre nel Quartiere fieristico di Longarone per concludersi domenica 4 novembre prossimi, con 17.000 metri quadri espositivi interamente occupati.

Un’esposizione a tutto tondo di arredamento, complementi, tessuti, oggettistica: cose tipiche degli ambienti delle aree alpine. E non solo per case di abitazione, ma anche per alberghi e ristoranti. Ad Arredamont si trovano sempre nuove soluzioni e idee giuste con protagonista indiscusso il legno; avranno spazio anche altri materiali naturali, dalla pietra al ferro, dal vetro alla lana lavorata nelle terre di montagna.

“Un’esposizione veramente unica – afferma il presidente di Longarone Fiere, Giorgio Balzan – che vede di anno in anno crescere sia la qualità espositiva che il numero di visitatori interessati (oltre 30.000 nella scorsa edizione), dimostrando di conquistare un pubblico sempre più esigente e qualificato e confermandosi quale punto di riferimento del settore, merito questo soprattutto dei nostri espositori che ne rappresentano il valore aggiunto”.

Arredamont si conferma quindi la mostra per eccellenza dell’arredare in montagna e costituisce un evento unico nel panorama fieristico nazionale, e non solo, in grado di attirare l’attenzione di migliaia di operatori del settore mobile-arredo e delle famiglie. Una rete specializzata di piccole e medie imprese, prevalentemente artigiane  249 i marchi aziendali presenti in rappresentanza di 13 Regioni italiane e 9 Paesi esteri che si presenta in fiera all’attenzione di un pubblico numeroso che giunge nelle Dolomiti da tutto il Nord e Centro Italia, ma anche da Francia, Svizzera, Slovenia e Croazia, Austria e Germania dimostrandosi sempre più accattivante in un panorama sempre più internazionale.

E molte saranno anche le iniziative e le dimostrazioni che animeranno le nove giornate di Arredamont, che vedranno ad esempio i mascherai alpini alternarsi nella realizzazione di un pannello in legno in altorilievo: un’opera composta da una serie di pannelli più piccoli intagliati dove ogni pezzo rappresenterà una maschera carnevalesca tipica della zona di provenienza dell’artista.

Mentre nello stand-laboratorio della Consociazione Italiana Tappezzieri Arredatori, trasformato in una bottega aperta, i Maestri arrivati da ogni parte d’Italia taglieranno e cuciranno in diretta con il loro ago curvo un arazzo che rappresenta un Tappezziere al lavoro, coinvolgendo nell’opera anche il pubblico. Nello stand invece dell’Associazione Io Amo Castellavazzo si terranno dei laboratori permanenti aperti a tutti con la creazione di piccoli oggetti e la realizzazione di un dinosauro gigante, naturalmente tutto in legno.

Nello stesso, in occasione dell’inaugurazione di Arredamont, che si terrà sabato 27 ottobre alle 11.30, verrà scoperta l’ultima opera dell’artista Mauro Lampo “Omaggio a Leonardo Da Vinci”: un grande bassorilievo in cirmolo, rivisitazione di una delle opere più discusse di Leonardo, “La battaglia di Anghiari”.

Spazio anche ai futuri falegnami con l’Istituto di Istruzione Superiore Statale Enrico Fermi dove gli alunni eseguiranno dei manufatti in legno; il C.F.S., Centro per la Formazione e la Sicurezza di Belluno, che presenta “L’artigiano 4.0” dal modello digitale alla realizzazione manuale degli arredi; infine lo spazio del Centro Consorzi che si presenterà come un laboratorio dove si potrà sperimentare la realtà virtuale applicata al settore arredo.

Fonte:
Ufficio Stampa Arredamont 2018
Link al comunicato stampa:
clicca